Eupedia
Eupedia


Eupedia >Storia > Invasori della steppe

5000 anni di migrazioni dalle steppe dell'Eurasia all'Europa

English version Deutsche Fassung Version franšaise Version en espa˝ol VersŃo em portuguŕs Wersja polska
Migrazioni proto-indoeuropee durante la prima etÓ del bronzo

Autore: Maciamo Hay. (Scritto il 28 gennaio 2010. Ultimo aggiornamento febbraio 2018.)

Introduzione

La steppa Pontic-Caspian, che si estende dall'estuario del Danubio ai monti Urali, ha svolto un ruolo cruciale nella storia europea e asiatica. ╚ qui che il cavallo Ŕ stato addomesticato, i carri inventati e uno dei primi luoghi in cui l'etÓ del bronzo Ŕ fiorita e da cui si Ŕ diffuso. Da circa 4000 aC le popolazioni della steppa iniziarono a migrare verso ovest per stabilirsi lungo la valle del Danubio e al bacino dei Carpazi, e poi a poco a poco si sono trasferiti pi¨ in profonditÓ in Europa. Ecco una sintesi di questa lunga serie di migrazioni che si pensa abbiano portato l'Europa e la lingua indoeuropee in Europa e a contribuito in modo significativo al moderno patrimonio genetico europeo.

Oggigiorno, circa due terzi degli uomini europei appartengono agli aplogruppi del cromosoma Y R1a o R1b, due lignaggi patrilineari che sono stati ora confermati da test del DNA antico per essere arrivati in Europa con le migrazioni indoeuropee dalla steppa Pontic-Caspio durante l'etÓ del bronzo. Eppure, molto tempo dopo la fine dell'etÓ del bronzo, le persone nomadi della steppa hanno spesso condotto pi¨ incursioni in Europa. Non tutti erano parlanti indoeuropei e, alla fine dell'etÓ del bronzo, anche quelli che l'erano, come gli sciti, erano stati mescolati con una varietÓ di popoli non-indoeuropei del Caucaso, dell'Asia centrale, della Siberia o persino del Medio Oriente prima di arrivare in Europa.

Puoi visualizzare qui le mappe delle migrazioni dell'EtÓ del Bronzo in Europa.

Riassunto storico delle migrazioni dalla steppa pontico-caspica all'Europa

  • 4200-3900 aC: i cavalieri della tarda etÓ del rame invadono i vecchi insediamenti tellurici della Romania orientale e della Bulgaria. La maggior parte delle cittÓ e dei villaggi delle culture Gumelnita, Varna e Karanovo VI sono abbandonate. EmergerÓ una nuova cultura ibrida, la cultura Suvorovo-Cernavodă (4000-3200 AC), che si espanderÓ ulteriormente a sud verso l'Egeo durante periodo Ezero (3300-2700 aC).
  • 3500 aC: altri incursioni della steppa nella cultura Cucuteni-Tripolye portano alla formazione della cultura ibrida di Coţofeni, conosciuta anche come Cultura di Usatovo, nel nord-est della Romania.
  • 3200-2800 aC: prima espansione nord-ovest della cultura di Jamna dalla steppa occidentale ai paesi moderni della Polonia, della Germania, della Scandinavia e del Baltico. Creazione di cultura della ceramica cordata (3200-1800 aC).
  • 2800-2500 aC: Ibridi delle culture di Coţofeni e Ezero iniziarono a risalire il Danubio e si insediano in massa nella pianura ungherese. L'espansione verso sud delle culture di Abashevo, Poltakva e Catacomb dalle rive del Volga-Ural alle coste del Mar Nero ha spinto in Europa pi¨ pastori nomadi della cultura tarda di Jamna.
  • 2500-2300 aC: gli indoeuropei si espandono dalla pianura ungherese in Austria, Boemia, Moravia, Polonia meridionale e Germania meridionale e iniziano il pi¨ importante centroeuropeo Cultura dell'etÓ del bronzo d'Unetice.
  • 2300-2000 aC: gli indoeuropei continuano la loro avanzata verso l'Europa occidentale e settentrionale, diffondendo con loro l'etÓ del bronzo e la tradizione delle sepolture individuali.
  • 2000-1100 aC: I Popoli del Mare invasero l'Egeo e il Mediterraneo orientale dal nord (probabilmente dal Mar Nero). Questa Ŕ una delle parti pi¨ controverse della storia antica a causa della mancanza di prove chiare sull'origine delle popolazioni del mare. Gli indoeuropei delle steppe o dell'Europa stessa erano gli unici guerrieri con armi sufficientemente avanzate e conoscenza del mare per aver distrutto i potenti stati-palazzo di Grecia, d'Anatolia, del Levante ed d'Egitto. Si adatta anche all'intervallo di 1000 anni, altrimenti mancava qualsiasi migrazione importante dalle steppe, nel momento in cui gli indoeuropei orientali stavano conquistando il Pakistan e l'India dall'Asia centrale.
  • 800-550 aC: i Cimmeri sono estromessi dalla steppa del Pontic dai loro cugini i Sciti provenienti dalla regione del Volga-Ural e dall'Asia centrale. I Cimmeri si insediano in Anatolia e nella moderna Romania intorno all'800 aC. La cultura Cimmerica inizi˛ intorno al 1200 aC Alcuni archeologi pongono le loro origini nel Caucaso del Nord. Alcuni resoconti affermano che i Cimmeri si trasferirono nella Germania settentrionale e nei Paesi Bassi e divennero gli antenati di alcune trib¨ germaniche, come i Sicambri (antenati dei Franchi). Gli Sciti seguirono tra il 650 e il 550 aEV, stabilendosi in Transilvania, in Ungheria e nella Slovacchia meridionale. Mantennero le rotte commerciali con le steppe fino alla conquista romana della Pannonia e della Dacia.
  • 100-500: gli Unni della Siberia meridionale invasero l'Europa dell'Est, spingendo i Alani (una trib¨ che discende dai Sarmati) verso ovest. I Goti, i Vandali, i Franchi, gli Angli, i Sassoni, gli Iuti e altri attraversano l'Impero Romano sotto la pressione dei nuovi migranti della steppa, che in torno caus˛ il crollo dell'Impero Romano d'Occidente.
  • 550-1000: i successivi invasori della steppa erano gli Avari, che entr˛ nella regione del Danubio inferiore nel 562. Gli Avari stabilirono il loro dominio sul bacino del Danubio, dalla Romania centrale all'Austria orientale, dal dalla fine del VI all'inizio del IX secolo.

    Nel 4░ secolo, alcuni Proto-Bulgari avevano attraversato il Caucaso in Armenia mentre altri avevano giÓ seguito gli Unni, poi gli Avari in Europa centrale. La steppa pontica e il Caucaso settentrionale sono stati governati dai Bulgari durante il periodo della Grande Bulgaria nel 7░ secolo. Sotto la pressione dei Cazari, i Bulgari si dividono in due gruppi; una migrazione verso nord in quello che diventerÓ la Bulgaria del Volga, e l'altra a i Carpazi fondano il Primo Impero Bulgaro (680-1018) intorno alla moderna Romania e Bulgaria.

    I Magiari e i Cazari migrarono dalla regione Ural-Volga all'odierna Ucraina moderna 830, razziarono la loro strada attraverso i Carpazi fino alla Baviera, dove furono fermati nel 956, poi si stabilirono definitivamente in Ungheria nel 10░ secolo e fondarono il Regno d'Ungheria nel 1001.

  • 1235-1300 CE: I mongoli raggiunsero l'Europa intorno al 1235 e i Mongoli invasero incessantemente Bulgaria, Polonia, Boemia, Ungheria, Austria, Croazia, Serbia e Tracia bizantina. Alla fine furono sconfitti ed espulsi dall'Europa, ma potrebbero aver lasciato alcune tracce genetiche (anche se molto minori basate su prove attuali).

  • 1350-1550: le ultime persone dall'Asia centrale a venire in Europa furono i Turchi, che conquistarono i Balcani dal 1359 al 1481, poi i Carpazi e Ungheria dal 1520 al 1566. Non erano tecnicamente dalla steppa pontico-caspica, ma dalle zone dell'Asia centrale sedimentate pi¨ di 4000 anni fa dagli Indoeuropei della steppa del Volga-Ural. Come gli altri popoli turchi (unni, avari, bulgari, cazari, tartari) i turchi presumibilmente portarono molti lignaggi R1a con loro (+ un piccolo R1b).

Impatto genetico

Il flusso continuo di steppe ha avuto un effetto cumulativo sul pool genetico europeo. Tuttavia, furono le prime migrazioni dell'etÓ del rame e del bronzo ad avere il pi¨ grande impatto genetico.

Prima del 4000 AC, sembrava non esserci traccia dell'aplogruppo R1b-L23 (e sottotapali) in Europa al di fuori di la steppa Pontic-Caspian. Rami pi¨ vecchi di R1b sono stati trovati campioni mesolitici dai Balcani e dal Baltico orientale, ma ora sono per la maggior parte estinti. La branca R1b degli Indoeuropei Ŕ legata all'espansione verso i Carpazi e i Balcani (Usatovo-Coţofeni, Ezero, culture di Otomani), quindi l'espansione verso l'Europa centrale, diffondendosi lungo le reti commerciali preesistenti della cultura del vaso campaniforme fino alla Gran Bretagna e l'Irlanda ad ovest.

Lo stesso vale per l'aplogruppo R1a. Vecchi rami che lasciarono pochi o nessun discendente moderno furono identificati in resti mesolitici dell'Europa orientale, ma il ramo R1a-M417 che sopravvisse e sostituý tutti altri probabilmente hanno avuto origine nella cultura di Jamna e test di DNA antico hanno confermato che R1a-M417 Ŕ stato propagato per lo pi¨ attraverso la cultura della ceramica cordata. Oggigiorno pi¨ della metÓ degli uomini europei moderni ora portano un cromosoma Y discendente dalla varietÓ R1a o R1b trovata nella steppa durante la prima etÓ del bronzo, mentre R1b Ŕ predominante nell'Europa occidentale, mentre R1a Ŕ pi¨ comune nell'Europa centrale e orientale.

Un altro lignaggio paterno trovato nella cultura di Jamna che sembra essersi diffuso con le migrazioni indoeuropee Ŕ I2a2a-L701. L'aplogruppo I2 era la stirpe principale degli europei mesolitici e fu trovato in tutto il continente. I2a2a-L701 sembra essere un ramo trovato nell'Ucraina mesolitica e nella Russia meridionale che fu integrata alla cultura di Jamna.

╚ anche probabile che alcuni lignaggi paterni delle culture neolitiche adiacenti alla steppa pontica furono in parte assorbiti dagli invasori della steppa e propagati con loro nel resto dell'Europa. Questo potrebbe essere il caso della cultura di Cucuteni-Trypillian, situata nella moderna Moldavia e nell'Ucraina occidentale, che era adiacente alla cultura di Jamna nel 3500 aC. Un candidato principale Ŕ l'aplogruppo G2a, il lignaggio principale degli agricoltori neolitici. Il DNA antico ha confermato che la subclade sottoclade G2a-U1 era un lignaggio della cultura di Cucuteni. Il suo schema di dispersione e l'etÓ delle sue clade suggeriscono chiaramente una diffusione durante l'etÓ del bronzo durante le migrazioni indoeuropee verso l'Europa centrale e occidentale. Questo Ŕ probabilmente anche il caso di G2a-Z1816, che sembra essersi esteso a fianco del ramo proto-italico-celtico R1b-U152.

Queste migrazioni proto-indoeuropee nell'etÓ del bronzo hanno avuto un impatto maggiore sul lato paterno (cromosoma Y) perchÚ gli uomini possono procreare con diverse donne e la poligamia era comune nelle societÓ gerarchiche dell'EtÓ del Bronzo. Ma anche le donne delle steppe hanno partecipato alle migrazioni indoeuropee. Avrebbero diffuso aplogruppi mitocondriali H2a1, H6, H7, H8, H15, K1c, K2b, U2d, U2e, U4, U5a1a, I1, I2, I3, V7a, V15 e W in tutta Europa.

Le migrazioni dalla steppa pontica durante l'EtÓ del Bronzo Medio e Tardo avrebbero portato una miscela di R1a, R1b e altri nuovi lignaggi come J2b2a-L283, che fu trovata in un sito proto-illirico in Croazia datato c. 1600 aC Sembra che E-V13 fosse un'altra stirpe neolitica europea assimilata dai nuovi arrivati indoeuropei. La sua clade principale, CTS5856, ha un'etÓ di coalescenza di soli 4100 anni, che pone la sua espansione durante l'EtÓ del Bronzo Medio-Tardo.

Le ultime presumibilmente persone R1b a lasciare la steppa erano i Cimmeri. I Sarmati che li hanno espulsi sembrano aver assimilato alcune persone della steppa locale che non sono fuggite. Uno dei primi individui sarmati apparteneva a R1b-Z2103 (come Jamna). Tuttavia Ŕ probabile che i Sarmati appartengano prevalentemente all'R1a come le altre trib¨ iraniane. Due campioni sarmati o alani (300-400 EV) della Repubblica dell'Ossezia del Nord-Alania appartenevano agli aplogruppi R1a, G2a e J1. Gli ultimi due sono comuni lignaggi nel Caucaso settentrionale e possono entrambi superare il 50% della popolazione in alcuni gruppi etnici. Quindi sono molto probabilmente linee locali assimilate piuttosto che linee sarmate/alane originale.

Tutte le successive migrazioni dalla steppa avrebbero portato principalmente l'aplogruppo R1a nei Balcani e nell'Europa centrale. L'Europa sud-orientale ha ora la pi¨ alta diversitÓ R1a a causa delle numerose trib¨ eurasiche che si stabilirono lý per quasi due millenni, tra l'800 e il 1000 CE.

Decine di antichi campioni di DNA residui di Sciti sono stati testati per mtDNA e alcuni anche per Y-DNA. Undici campioni di Y-DNA scizi sono stati testati da vari luoghi in Russia e Siberia, e tutti tranne uno appartenevano all'aplogruppo R1a (l'ultimo apparteneva all'aplogruppo siberiano N). Solo due sono stati testati per cladi profonde ed entrambi sono caduti sotto la branca indo-iraniana Z93 (non sorprende dal momento che gli Sciti erano una trib¨ iraniana). ╚ probabile che gli Sciti portassero anche una minoranza di aplogruppi R1b-Z2103 (come gli altri indo-iraniani), ma anche J2a e Q1b dall'Asia centrale, dove hanno avuto origine. I loro aplogruppi mitocondriali mostrano che gli Sciti della Russia erano fortemente mescolati con trib¨ mongoloidi/siberiane sul lato materno.

Gli Unni originariamente provenivano dalla Mongolia e dall'Altai. Molti campioni da 2000 anni fa sono stati testati sia per Y-DNA che per mtDNA e non sembrano differire molto dai mongoli attuali. I loro principali lignaggi Y-DNA erano C2a, N1 e Q1a, ma possedevano anche alcuni R1a e R1b (e linee equivalenti di mtDNA proto-indoeuropeo come H, J1, U2e e U5a). Quando gli Unni raggiunsero l'Europa, erano diventati una confederazione di diverse trib¨ incorporate nella steppa eurasiatica, e molti di loro erano con tutta probabilitÓ R1a dominante (perchÚ discendevano dai Sarmati e dagli Sciti). Questo spiega perchÚ pochissimi lignaggi dell'Asia orientale si trovano in alcune parti dell'Europa, dove gli Unni si stabilirono, in particolare in Ungheria, nei Carpazi, in Polonia e in Germania. Queste sono tutte regioni con livelli considerevoli di R1a, e alcune potrebbero essere state portate dalla confederazione degli Unni dalla steppa.

Gli Avari, i Bulgari, i Magiari, i Khazar avrebbero anche portato per lo pi¨ lignaggi R1a, probabilmente con qualche altro tipico iraniano (G2a, J2a, R1b-Z2103), turco (C2a, Q1a) e persino lignaggi Uralici (N1c). Sei campioni Magyar Y-DNA del 10 ░ secolo sono stati testati e appartenevano a aplogruppi I2a (x2), N1c (x2) e R1b (x2). Il DNA-Y del re BÚla III d'Ungheria Ŕ stato testato da Olasz et al. (2018) e si Ŕ rivelato essere R1a. BÚla era un membro della dinastia degli Arpadi, che governava l'Ungheria dall'arrivo dei Magiari nel IX secolo fino al 1301.

I turchi discesero dall'Altai all'Asia centrale e conquistarono l'impero bizantino. Gli invasori turchi originali hanno lasciato un'impronta genetica significativa sulla popolazione anatolica. Oggigiorno il 7% degli uomini turchi ha un cromosoma Y originario della Mongolia o della Siberia (aplogruppi C, N, O e Q). Il 7% in pi¨ appartiene all'aplogruppo R1a (principalmente al ramo Z93), la maggior parte dei quali potrebbe essere arrivato anche con i turchi. I discendenti della dinastia ottomana sono risultati positivi per R1a-Z93. 500 anni di dominio ottomano nei Balcani hanno lasciato una piccola ma notevole percentuale di Y-DNA turco nella regione.

Follow-up

Discuti questo articolo sul Forum di Eupedia.



Copyright © 2004-2019 Eupedia.com All Rights Reserved.