Eupedia
Eupedia


Eupedia >Storia > Fatti sugli Celti

Fatti interessanti e poco conosciuti sugli antichi Celti

English version Deutsche Fassung Version franšaise Version en espa˝ol VersŃo em portuguŕs
Interesting facts about the ancient Celts

Terra, persone e lingua

  • Gli antichi Celti erano un ramo degli Indoeuropei, un gruppo etnico-linguistico che comprendeva anche il popolo germanico, slavo, greco e indo-iraniano. Dalla loro terra natale nelle steppe pontico-caspiche, i proto-indo-europei andarono a conquistare la maggior parte dell'Europa, dell'Asia centrale e dell'Asia meridionale dal 4000 aC in poi, grazie all'avvento dell'etÓ del bronzo nel Caucaso settentrionale. (=> Vedi la Storia degli indoeuropei per maggiori dettagli.)
  • I popoli proto-celtici arrivarono dai Balcani verso l'Europa centrale intorno al 2500 aC. Equipaggiati con cavalli e armi superiori in bronzo, i Celti conquistarono rapidamente l'Europa occidentale, dalla penisola iberica alle isole britanniche.
  • La cultura celtica classica ermerga nell'Europa centrale attorno all'Austria, alla Baviera e alla Svizzera. Il pi¨ antico insediamento celtico, risalente al 1200 aC, fu rinvenuto a Hallstatt, nell'Alta Austria.
  • La cultura celtica classica di Hallstatt e il suo successore, la cultura di La TŔne, si diffusero dalle Alpi alla maggior parte dell'Europa occidentale e centrale tra il 600 e il 400 aC. Le persone in quelle zone parlavano un linguaggio simile, condividevano la stessa religione, tradizioni e credenze simili, le stesse arti e tecniche ...
  • C'erano alcune differenze regionali minori tra i celti. Ad esempio, le case in Gran Bretagna e Irlanda erano tipicamente rotonde, mentre quelle in Gallia erano rettangolari.
  • Il termine "Celto" deriva dal greco Keltoi o Galatae (Galati) e dal latino Celtae o Galli. Non si sa come si chiamassero, ma Ŕ probabile che sia stata una parola tra quelle, forse assomigliando alla parola moderna "Gael".
  • Sebbene i Celti non avessero il loro sistema di scrittura, le iscrizioni in lingua celtica negli alfabeti latini o greci sono state trovate su siti celtici.
  • Contrariamente alle credenze popolari, le lingue celtiche erano ancora parlate dopo la conquista romana. San Girolamo (347-420) nota che la lingua dei Galati anatolici ai suoi tempi era ancora molto simile alla lingua dei Treveri (dalla regione di Trier e il confine tra Germania e Lussemburgo).
  • Le lingue celtiche sono progressivamente scomparse durante il Medioevo. Sopravvissero solo in Bretagna, in Cornovaglia, nel Galles, in Scozia, in Irlanda, e per qualche tempo anche in Galacia (nella Spagna nord-occidentale). Oggi, solo una minoranza di persone pu˛ ancora parlare lingue celtiche/gaeliche, e sono per lo pi¨ confinate in Galles, Bretagna e Irlanda occidentale.
  • Gli studi genetici hanno determinato che la maggior parte degli antichi uomini celtici apparteneva all'aplogruppo R1b-S116 (DNA-Y) e le sue sottocladi. Due migrazioni della prima etÓ del bronzo hanno portato la sottoclade L21 alla Francia nordoccidentale e alle isole britanniche e la sottoclade DF27 al sud-ovest della Francia e nell'Iberia. La terza sottoclade celtica principale Ŕ S28 (alias U152), che Ŕ associata all'espansione delle culture di Hallstatt e di La TŔne, cosý come con le trib¨ italiche.
  • Si ritiene che i celti abbiano diffuso i geni per i capelli rossi. (=> Consulta Origini dei capelli rossi per ulteriori dettagli.)

Espansioni delle culture Hallstatt e La TŔne

Espansioni delle culture Hallstatt e La TŔne durante l'etÓ del bronzo e l'etÓ del ferro

Mappa dei lignaggi paterni celtici nell'Europa moderna

Questa mappa rappresenta i lignaggi paterni associati alla diffusione delle popolazioni proto-italo-celtiche dall'Europa centrale all'Europa occidentale durante l'etÓ del bronzo, circa 4500 anni fa. I loro lignaggi appartengono all'aplogruppo R1b-S116 (o P312), vale a dire la maggior parte dei R1b europei meno il R1b-L23 greco-etrusco, il R1b-U106 e R1b-L238 germanico e l'11, L51 e L150 proto-celto-germanico. Il ramo S116 include i sottocladi associati a lingue non indoeuropee come il basco e le vecchie lingue guascone e iberica. Dal momento che non si sa esattamente quando e dove si sono sviluppate le lingue celtiche e se alcuni oratori proto-celtici sono stati in grado di adottare lingue indigene nella terra che hanno colonizzato (specialmente in Guascogna e nella Spagna mediterranea), tutti i lignaggi sono stati inclusi per la realizzazione di questa mappa, privilegiando il DNA-Y nelle lingue storiche.

Distribuzione dei lignaggi paterni celtici in Europa

SocietÓ, cultura e stile di vita

  • I Celti commerciavano attivamente con il mondo mediterraneo, scambiando in particolare i loro strumenti e le armi di ferro per il vino e la ceramica. Inoltre importarono l'ambra dal Baltico per rivenderla ai Romani e ai Greci.
  • I Celti precederono i Romani nella costruzione di una rete stradale attraverso il continente europeo.
  • Il mondo celtico era molto decentralizzato rispetto a quello romano, ma almeno una dozzina di cittÓ celtiche possedevano alte mura di pietra che rivaleggiavano con quelle di Roma in quel momento. Il pi¨ lungo era lungo 5 km.
  • Studi recenti hanno dimostrato che i Celti erano pi¨ avanzati dei Romani in alcuni aspetti scientifici ed economici. I calendari celtici pre-romani erano molto pi¨ accurati di quelli romani. In realtÓ, erano probabilmente pi¨ accurati del calendario gregoriano in uso al giorno d'oggi.
  • Ogni trib¨ dei Galati era organizzata in quattro septi (clan), ciascuno governato da un tetracho (capo), assistito da un giudice, un generale e due vice generali. Ognuno ha mandato 25 senatori in un santuario centrale chiamato Drunemeton.
  • I Celti erano immensamente ricchi. Ora sappiamo che il motivo principale per cui Giulio Cesare decise di conquistare la Gallia era mettere le mani sull'oro celtico. Oltre 400 miniere di oro celtico sono state trovate solo in Francia. I Romani avevano poco oro sul loro territorio, quindi la conquista della Gallia fu una straordinaria spinta al loro potere.
  • La nobiltÓ celtica era conosciuta per essere rasata con capelli ben tagliati seguendo la moda del tempo. Pinzette sono anche state trovate su siti archeologici.
  • L'antica societÓ celtica conferiva molta pi¨ libertÓ e potere alle donne di quanto non facessero i Greci e i Romani. Le casalinghe greco-romane erano vietate a fare affari e per lo pi¨ sequestrate nella loro casa sotto la supervisione di membri della famiglia maschi. Le donne celtiche potevano a volte diventare potenti capi di trib¨ ed erano anche conosciute per andare in guerra.

Guerra e tecnologie celtiche

  • I Celti inventarono la cotta di maglia (intorno al 300 aC) ei caschi usati in seguito dai legionari romani. Le spade e gli scudi celtici valevano almeno quanto quelli dei romani.
  • La decorazione delle armi celtiche, dei carri e dei manufatti era in molti modi superiore a quella di molte culture mediterranee.
  • I galli ai tempi di Giulio Cesare venivano descritti come indossando armature e spade lucenti e dorate.
  • Lo sviluppo precoce dei Celti delle prime armi e armature di ferro conferiva loro un vantaggio militare sui vicini. Ha permesso loro di conquistare e sottomettere la maggior parte dell'Europa per molti secoli.
  • I Celti avevano una reputazione di temibili barbari tra i Greci e i Romani. Attorno al 400 aC, si impadronirono del territorio che si estendeva tra le montagne dell'Appennino e le Alpi (cioŔ l'Italia settentrionale), per poi saccheggiare Roma nel 390 aC. Persino Alessandro Magno si assicur˛ di evitare la guerra con i Celti, firmando con entusiasmo un trattato di pace con loro nel 335 aC, prima di intraprendere la sua conquista della Persia. Dopo la sua morte, i Celti divennero nuovamente una minaccia per i Greci. Attratti dalla ricchezza accumulata nei templi greci da Alessandro, i Celti galati invasero la Macedonia nel 281 aC e saccheggiarono Delfi nel 279 aC.
  • La loro sconfitta contro i Romani era dovuta principalmente al fatto che essi erano disuniti contro il nemico romano e vittime di lotte interne tribali.
  • Si stima che Giulio Cesare macell˛ il 10% dei 10 milioni di Celti di Gallia e ne mise un altro in schiavit¨. Oggi lo chiameremmo un genocidio.

Religione e convinzioni

  • Come i Greci, i Romani, i Tedeschi e gli Ind¨, i Celti erano politeisti e le divinitÓ variavano da regione a regione, con alcuni dei maggiori (come Lugh) riconosciuti ovunque. Come i Romani, i Celti non hanno esitato a venerare anche dei stranieri.
  • I druidi non erano solo sacerdoti, divinatori e astronomi, ma erano anche giudici, mediatori e consiglieri politici che giocavano un ruolo importante nelle dichiarazioni di guerra o di pace.
  • Ci sono voluti circa 20 anni di formazione per diventare un druido. Come il clero cristiano nel Medioevo, i druidi erano di solito di estrazione nobile, e addestrati dalla fanciullezza.
  • Il druidismo potrebbe aver avuto origine in Gran Bretagna. Ciononostante, i druidi tenevano la loro grande assemblea annuale nel territorio dei Carnuti, nella Gallia centrale.

  • Le querce erano di importanza primordiale nella religione celtica. I druidi tagliavano ritualmente il vischio dalle querce. La parola "druido" Ŕ legata al termine celtico per quercia, e il luogo di raccolta dei druidi galattici era chiamato Drunemeton, letteralmente "santuario delle querce".
  • I Celti praticavano sacrifici umani rituali agli dei, in genere vicino all'acqua (lago, fiume, primavera) e/o nei boschi. Le vittime erano spesso prigionieri di guerra o criminali. I druidi essendo entrambi giudici e sacerdoti, era un modo di combinare esecuzioni giudiziarie o militari con l'onore degli dei.
  • I Celti non credevano nel paradiso o nell'inferno, ma credevano nella reincarnazione automatica sulla Terra, indipendentemente dalle azioni della vita.
  • Gli scrittori greci ricordano che, quando incontravano Alessandro Magno, i Celti si vantavano di non temere nulla, tranne che il cielo cadeva sulle loro teste.
  • I guerrieri celtici decapitarono gli sconfitti dopo una battaglia, portarono le teste a casa come trofei e scoprirono i corpi senza testa appesi a dei telai di legno.
  • A volte, sostituivano gli umani con enormi anfore di vino e simulavano la decapitazione tagliando la cima dell'anfora con una spada. Lo spargimento del vino rappresenterebbe il sangue.
  • Una delle pi¨ importanti divinitÓ celtiche in Gallia e in Gran Bretagna era Lug (us) (o Lugh nella mitologia irlandese), il cui grande santuario era a Lugdunum (Lione moderna). Patrono del commercio, protettore dei viaggiatori e inventore di tutte le arti, gli attributi di Lug lo identificano come l'equivalente del dio romano Mercurio o del dio greco Hermes. La festa di Lug fu celebrata il 1░ agosto. Il suo simbolo Ŕ il corvo.

I Celti rispetto ai greci e ai romani

  • Gli scrittori greco-romani in genere raccontano racconti inorriditi della barbara pratica celtica del sacrificio umano e animale. Ciononostante, sia Greci che Romani sacrificarono gli animali agli dei, e qualche volta anche agli umani (come fece il re Agamennone con sua figlia). I Romani organizzavano anche giochi famosi in cui gli esseri umani si sono combattuti a vicenda nelle arene fino alla morte per il piacere degli spettatori. Inoltre, i Romani crocifissero gli oppositori politici e fecero prigionieri uccisi o mangiati vivi da animali selvatici nelle arene. Nel complesso, i sacrifici religiosi celtici erano certamente meno crudeli e barbari di quelli dei Romani.
  • I Celti non mettevano l'acqua nel loro vino, ma lo bevvero puro, che era considerato una pratica barbarica da parte dei Greci e dei Romani. La pratica celtica Ŕ quella che ha prevalso nel nostro tempo, quindi forse non era poi cosý barbaro.

Trib¨ e nomi di luoghi

  • Molte antiche trib¨ celtiche hanno dato i loro nomi ai luoghi moderni. Ad esempio, la Boemia prende il nome dalla trib¨ dei Boii e il Belgio dopo i Belgi (Belgae). L'antico nome della Svizzera, ancora usato occasionalmente al giorno d'oggi, era l'Helvetia, della trib¨ celtica dei Helvetii. In Francia, lo stesso Parigi prende il nome dalla trib¨ dei Parisi, e Lione Ŕ una corruzione del nome celtico Lugdunon, che significa "fortezza di collina di Lugh" (una delle pi¨ importanti divinitÓ celtiche). Ci sono numerose cittÓ e regioni in Francia che prendono il nome da trib¨ galliche o belghe. Ad esempio:

Le cittÓ francese che prendono il nome da trib¨ celtiche

I nomi dei luoghi sono elencati per regione, approssimativamente da nord a sud.

    • i Suessiones hanno dato il loro nome a Soissons, Piccardia
    • i Bellovaci a Beauvais, Piccardia
    • i Remi a Reims, Champagne
    • i Lingones a Langres, Champagne
    • i Meldi a Meaux, ╬le-de-France
    • i Senones a Sens, Burgundy
    • i Abrincates a Avranches, Normandy
    • i Lexovii a Lisieux, Normandy
    • i Cenomani a Rennes, in Bretagna
    • i Veneti a Vannes, Brittany
    • i Coriosoliti a Corseul, in Bretagna
    • i Redones a Le Mans, Paesi della Loira
    • i Namnetes a Nantes, Paesi della Loira
    • i Andecavi ad Angers, Paesi della Loira
    • i Turoni a Tours, Paesi della Loira
    • i Diablintes a Jublains, Paesi della Loira
    • i Carnutes a Chartres, Centre
    • i Bituriges a Bourges, Centre
    • i Pictones a Poitiers, Poitou
    • i Santones a Saintes, Saintonge
    • i Lemovices a Limoges, Limousin
    • i Petrocori a PÚrigueux, PÚrigord
    • i Cadurci a Cahors, Quercy
    • i Elusates a Eauze, Guascony
    • i Auscii ad Auch, Guascony

Regioni francesi che prendono il nome dalle trib¨ celtiche

    • i Viromandui ha dato il nome alla regione Vermandois
    • i Veliocassi alla regione Vexin
    • i Pictones nella regione Poitou
    • i Santones nella regione di Saintonge
    • i Lemovices nella regione del Limousin
    • i Cadurci nella regione di Quercy
    • i Petrocori nella regione del PÚrigord
    • i Arverni nella regione di Auvergne
    • i Vellavi nella regione di Velay
    • i Gabales nella regione del GÚvaudan

  • Un ramo cisalpino della trib¨ summenzionata dei Veneti ha dato il nome a Venezia e al Veneto in Italia. Le cittÓ italiane di Belluno, Bergamo, Bologna, Brescia, Brianza, Genova e Milano hanno tutte radici celtiche.
  • In Germania Trier (Treviri in italiano) prende il nome dalla trib¨ dei Treveri. Le cittÓ tedesche di Ansbach, Bonn, Boppard, DŘren, Kempten, Mainz, Remagen e Tubinga hanno tutte un'etimologia celtica.
  • L'unica cittÓ belga che prende il nome da una trib¨ del Belgio Ŕ Tongeren (Tongres), dal nome della trib¨ dei Tungri. Tuttavia, le regioni di Condroz e Famenne della Vallonia devono il loro nome alle trib¨ belga dei Condrusi e dei Paemani.
  • Le cittÓ svizzere di Soletta, Thun, Winterthur, Yverdon-les-Bains e Zurigo hanno etimologie celtiche, cosý come Bregenz e Vienna in Austria.
  • Il nome "Portogallo" viene dal latino Portus Cale (Port of Cale). Cale o Cailleah era la dea madre del popolo celtico. Molte cittÓ portoghesi e cittÓ hanno nomi celtici come Beira, Braga, Braganša, Coimbra, ╔vora, cosý come le antiche cittÓ romane di ConÝmbriga e Lacobriga.
  • Le regioni della Galizia nel nord-ovest della Spagna, la Galizia nell'Europa centro-orientale (a cavallo tra la Polonia e l'Ucraina), cosý come la cittÓ e la contea di Galați in Romania, derivano il loro nome dai Galati.
  • Molti fiumi europei hanno nomi celtici. La parola celtica Danu, che significa "fluire", Ŕ la radice di alcuni dei pi¨ lunghi fiumi europei, come il Danubio, Don, Dnieper e Dniester.
  • Altri nomi fluviali di origine celtica includono il Douro in Iberia, la Dordogna, la Loira, la Mosa, il Rodano e la Senna in Francia, il Meno e il Neckar in Germania o l'Avon, la Tamigi e il Trent in Gran Bretagna. => vedi Origini dei nomi dei fiumi europei

Pagine correlate da Eupedia



Copyright © 2004-2019 Eupedia.com All Rights Reserved.